La sera della vigilia della festa dell'Ascensione la tradizione vasanellese vuole che, la grande catasta di legna ammassata nei giorni immediatamente precedenti sotto il campanile romanico dirimpetto la chiesa di San Salvatore, venga bruciata per simulare l'ascesa di Nostro Signore in cielo.

Di sicura origine pagana la festa è da sempre conosciuta in paese con il nome di "Focarone".

 

Gioia di tutti i bambini per l'innegabile fascino sprigionato dalle altissime lingue di fuoco, i nonni amano ricordare che la loro notte dei "focaroni" era attesa per l'incredibile immagine restituita dal vicino monte Cimino: l'intero orizzonte tempestato da pulsanti falò. D'altronde, il detto "Pe l'Ascensione manco i' l'ucelli portano la 'mpizzata da i fiji" (trad. "Per l'Ascensione neppure gli uccelli portano il cibo ai figli") fotografa l'enorme importanza rivestita da sempre dall'evento.

Recuperata e rivista, oggigiorno la "Festa del Focarone" è organizzata dalle varie Classi che si succedono nell'organizzazione delle feste patronali.

 

Questo è l'anno della Classe del 1971.

Vi aspettiamo!

"Focarone 2010"